venerdì 10 febbraio 2017

10 febbraio: Istria, Dalmazia e Venezia Giulia

Non si saprà mai con precisione: almeno 10.000, quasi sicuramente di più. Tanti furono gli italiani infoibati dai miliziani comunisti di Tito alla fine della Seconda Guerra Mondiale. Gettati morti o anche vivi nelle foibe del Carso, i vivi legati con il filo di ferro ai cadaveri di chi era già stato assassinato e poi buttati giù. E almeno 350.000 furono i profughi costretti a lasciare l'Istria, la Dalmazia e la Venezia Giulia. Terre italiane.


Per non dimenticare.  

Nessun commento:

Posta un commento